Geometrie non euclidee

Geometrie non euclidee

Viviano in spazi tridimensionali la cui strana geometria e la cui area interna sono determinate dall’intervallo fra due fiumi, dall’intervallo fra la riva del mare e la cima delle montagne, dall’intervallo fra la superficie terrestre e il limite esterno dell’atmosfera del nostro pianeta. Continua a leggere “Geometrie non euclidee”

E adesso tutti zitti. Silenzio tutti.

E adesso tutti zitti. Silenzio tutti.

E adesso tutti zitti, silenzio tutti.
Perchè possiamo parlare a lungo prima, possiamo dissertare sul rischio che prima o poi il fiume esondi. Possiamo impantanarci in lunghe ed inutili discussioni sul rischio idrogeologico, su fiumi che dovremmo cementificare ed altri che dovremmo rinaturalizzare. Prima possiamo dire tante cose, questo ed altro, ma appena il fiume straripa, appena il fiume esonda, appena spezza la diga, stravolge il greto e impetuoso ed incontenibile scende a valle, allora, se non siamo fiume, se non siamo parte della corrente, possiamo solo stare zitti, possiamo solo in silenzio ritirarci sull’argine e guardarlo, tremebondi, passare. Continua a leggere “E adesso tutti zitti. Silenzio tutti.”

Lento ritorno a casa

Lento ritorno a casa

Come è bella la bioregione dell’Oreto. Con quella corona di monti che le regala acqua e nuvole e quei prati alti dove è bello distendersi ad aspettare che il giorno finisca.
Come è bella la bioregione del Nocella che guarda il mare come si guarda la libertà irragiungibile e quei pani di roccia che trasudano acqua e gli amici che preparano il cibo e allevano le api.

Continua a leggere “Lento ritorno a casa”

MENO TRE (- 3)

MENO TRE (- 3)

MENO TRE (- 3)
Adesso mancano solo tre giorni allo Sciopero Mondiale per il Clima e per oggi non avrete il “piacere” di leggere mie parole perché ho preferito io stesso leggere quello del nostro Presidente della Repubblica per il quale la mia stima cresce ad ogni giorno che passa.

Azione esemplare di oggi…anzi di ieri: ieri per tutta la giornata ci siamo alimentati da vegetariani. Non sempre convinti i Piccoli, di sicuro non il grande che si è visto proporre a pranzo dalla nonna pasta e fagioli e a cena da noi pasta e lenticchie. Temo che per quanto lo riguarda il nostro impegno non ha avuto buoni risultati in ordine alla riduzione dei gas serra. Continua a leggere “MENO TRE (- 3)”

MENO QUATTRO (- 4)

MENO QUATTRO (- 4)

MENO QUATTRO (- 4)
Mancano QUATTRO giorni allo sciopero mondiale per il clima e alla manifestazione palermitana alla quale invito nuovamente i miei amici a partecipare..

Come promesso anche per oggi propongo un’azione esemplare: stamattina con i Piccoli ci siamo sguinzagliati per la casa a cercare elettrodomestici con eventuali spie e lucine accese. Ne abbiamo trovate più di quante immagginassimo potessero essercene a casa nostra…tutte spente. Un minuscolo pezzetto di energia conservato per domani che sommato a tanti altri minuscoli pezzetti di energia potrebbe garantire una bella scorta per il futuro.

Il mio post di oggi è un po’ fuori tempo. Una poesia scritta in occasione di un solstizio estivo in un momento in cui mi sembrava (e purtroppo lo penso ancora) che troppo male avessimo fatto al nostro Pianeta fino al punto di averne anche “guastato” l’estate.

Continua a leggere “MENO QUATTRO (- 4)”

Meno sei (- 6)

Meno sei (- 6)
MENO SEI (- 6)
Mancano sei giorni allo sciopero mondiale per il clima e alla manifestazione palermitana alla quale invito nuovamente i miei amici a partecipare..
 
Come promesso anche per oggi propongo un’azione esemplare: io porterò i miei bambini lungo un fiume, all’interno di un parco naturale, in un luogo che volontariamente abbiamo sottratto ad un uso scellerato del territorio per preservarlo per le generazioni future. Non c’è bisogno di allontanarsi tanto dalla città…c’è per esempio l’Oreto che ora più che mai “deve essere conosciuto” e tutelato, ci sono ben quattro riserve naturali praticamente dentro la città che aspettano solo piedi e voci di bambini per essere cantate.
 
Il mio post di oggi è un invito ad aprire le nostre “finestre della percezione” per fare ciò per cui siano stati creati: contemplare e cantare la meraviglia dell’universo e del nostro pianeta.

Continua a leggere “Meno sei (- 6)”