Pennarelli, privacy e dignità

Pennarelli, privacy e dignità

Stamattina dalla Tanzania Stefania, che è la responsabile paese della mia associazione che si occupa di cooperazione, mi scrive il post che segue. E’ un esempio perfetto di come noi NON intendiamo la cooperazione.

Stamattina andando a lavoro scorrevo distrattamente la home di facebook e mi sono imbattuta nella richiesta qui sotto, postata in un popolato gruppo di appassionati del continente africano. Si lo so, dovrei scegliere meglio i gruppi a cui metto il like, ne sono cosciente, sorvolando su questo però ciò che mi ha colpita è l’assoluta normalità con cui la richiesta è stata, non solo fatta, ma anche accolta. Sono stati forniti una serie di consigli su quali scuole visitare (???), cosa portare etc. Le scuole elementari sono luoghi da visitare in cambio di qualche scatola di pennarelli. Quando si visitano le scuole, per esperienza aggiungo, ci scappa sempre un bel servizio fotografico dello spacciatore di pennarelli in posa circondato da bambini in divisa (minori le cui facce girano nell’internet senza consenso aggiungo), poi magari quelle stesse persone postano foto del compleanno del nipotino e al posto della faccia ci mettono uno smile, vabbè…).
Sarebbe interessante postare in un gruppo analogo, se mai esistesse, la richiesta “mi piacerebbe visitare una scuola elementare in UK, consigli?” Poi andare nella scuola, distribuire i vari doni, scattare le foto con i bimbi inglesi, postare a più non posso e vedere il seguito. Nel migliore dei casi probabilmente il seguito sarebbe un tso, una denuncia!
Se una cosa simile dovesse succedere nella scuola dove vanno i miei figli io non sarei felice di sapere che si permettono safari scolastici ai turisti.
Vi prego, abbiate rispetto dei luoghi che visitate e delle persone che li abitano Indipendente dalla loro età o condizione. La dignità non può valere una scatola di pennarelli.

Stefania dice che “Tulime è meravigliosa”

Stefania dice che “Tulime è meravigliosa”

Nel fine settimana la mia associazioen si è riunita per la quattrodicesima volta da quando esiste per il suo “Miting” nazionale.

L’Albero della Vita che cresce a Santa Ninfa ci ha accolta sotto la sua possente chioma.

Giunti da tanti luoghi diversi venerdì, già ieri pomeriggio abbiamo lasciato quel luogo per riprendere nuovamente il nostro posto all’interno della “Spazio Tulimico“.

Stefania, che fra pochi giorni tornerà in Tanzania con Jeni e Amal ha voluto regalarci le parole che seguono che a me fanno bene al cuore. Continua a leggere “Stefania dice che “Tulime è meravigliosa””

Dare credito

Dare credito

Da qualche giorno ho cominciato a pensare che questo blog può essere uno strumento per raccontare persone e progetti dell’associazione della quale faccio parte che dal 2001 porta avanti azioni di “cooperazione di comunità” in Tanzania, Nepal, Uganda e Togo.

Ho lanciato la proposta per adesso soltanto a quelli che sono impegnati in prima persona nella gestione di uno dei progetti di Tulime (così si chiama la mia associazione). Continua a leggere “Dare credito”