Il dono della rima

Il dono della rima

Quando poi, finita l’opera,

ti ritirasti sul monte

giunse la prima sera

e il mondo era tutto li davanti.

La fonte che stillava diamanti d’acqua,

una bava di vento a carezzare gli armenti,

il lento svolgersi del fiume sulla piana,

piume d’ogni colore a impreziosire il cielo.

E dietro il velo di una caligine nuova

una subitanea vertigine ti colse

nel vedere quell’essere fragile al quale

avevi assegnato l’onere immane del racconto.

Stamane allora dalla cima del tuo trono

per l’amore che per noi, dicono, nutri,

nel settimo giorno del tuo riposo,

della rima ci hai fatto dono.

Perfetto sarà

Perfetto sarà

La mia casa sarà perfetta quando non ne avrò più bisogno.

La mia famiglia sarà perfetta quando capirò che non hanno più bisogno di me.

Il mio pasto sarà perfetto quando non mi vergognerò di prepararlo con una preghiera.

La mia preghiera sarà perfetta quando solo alla preghiera penserò mentre prego.

I miei abiti sono già perfetti perché non me ne curo affatto.

Il mio lavoro sarà perfetto quando potrò spiegarne agli altri il senso usando poche semplici parole.

Il mio sentiero sarà perfetto quando, da solo o con l’amico a fianco, non mi preoccuperò della metà.

Il mio giorno sarà perfetto quando invariabilmente si concluderà con un bel racconto che i bambini ascolteranno con piacere.

Le mie poesie saranno perfette quando ad esse preferirò il silenzio.

Radici Emergenti

Radici Emergenti

Ho vinto un premio letterario. Mi spiego meglio. Le mie amiche Marilena e Giulia mi hanno fatto una testa tanta per partecipare al concorso dal titolo “Radici Emergenti – storie di identità e territori” bandito dalla cooperativa sociale Se.Po.Fà. di Napoli. Io me la sono presa comoda. Mi sembrava un bel concorso e non volevo presentare un pezzo qualsiasi. Poi all’ultimo minuto l’ispirazione è arrivata e anche Giulia ha presentato un suo racconto. Per adesso e fino al momento della premiazione non è possibile divulgare i racconti. Continua a leggere “Radici Emergenti”