Continua-azione

Continua-azione

Per Cesare e Zaccheo che mi corrono davanti.

 

Continua-azione

Se voi avete mangiato io non avverto più alcuna fame.

Se voi avete bevuto la sete improvvisamente in me scompare.

Se vi ho lavato io mi sento perfettamente pulito.

Se avete goduto di un sonno lungo e sereno io mi sento riposato come mai prima. Continua a leggere “Continua-azione”

Reginè quan stiv cu mic

Reginè quan stiv cu mic

Qualche giorno fa in un post, che a tutti gli effetti è stato un tentativo fallimentare di contrastare la predominanza di mia moglie e dei suoi post della serie Demolition, scrivevo del mio cibo preferito: i fiori di zucca.

Loro sono veramente totalizzanti. E’ un po’ come l’amore che nutro nei confronti di Francesco Guccini e della sua musica: prima lui, poi lui, lui, lui e finalmente a grande distanza arrivano gli altri. Continua a leggere “Reginè quan stiv cu mic”

Trinity

Trinity

Facciamo allora un ultimo ripasso Mio Adorato. Io lo so che tu non sei nervoso, lo so che sei perfettamente calmo. Ma io e tua madre fremiamo. Io che i miei non li ho mai sognati mi metto a sognare i tuoi esami e sogno che mi devo risposare con la mamma e che ho i pantaloni tutti sporchi (“e dove è la novità?” dirà a questo punto la mamma). Ma un po’ nervoso anche tu mi sa che lo sei se ieri sera “all’ora del sonnambulismo” ti sei presentato davanti a noi con una sola domanda: “ma dopo il tre che numero viene?“. Continua a leggere “Trinity”