Non è forse il caso?

Non è forse il caso?
Ancora una volta siamo raggiunti da una “notizia cosmica”. Sembrerebbe che hanno scoperto un pianeta simile al nostro ad appena 100 anni luce da noi. Sempre di più le scoperte scientifiche ed una nuova consapevolezza rispetto alla presenza e diffusione della vita ci hanno permesso di sviluppare con chiarezza negli ultimi anni due idee: la prima è che la vita non è un evento così raro nell’Universo. La vita è più tenace di quanto non immaginiamo, si annida, si riproduce con smisurata generosità, resiste. Non mi stupirei affatto se nei prossimi anni dovessimo trovare forme microscopiche di vita su Marte o su Titano. Sono sicuro d’altra parte che su ogni pianeta che sia ricompreso all’interno di quella fascia di relazione con la sua stella detta appunto “fascia della vita” ci sono ottime probabilità che la vità abbia avuto modo di svilupparsi.

Continua a leggere “Non è forse il caso?”

Uccisione od omicidio

Uccisione od omicidio

Ammesso che sia possibile, credo che la nostra storia di esseri umani ci ponga innanzi all’urgenza di dare una risposta collettiva ad un quesito che non è nuovo ma che in questo tempo si fa più pressante. Per dirlo con le parole di Jared Diamond: “dobbiamo decidere in quale punto, lungo la scala che porta dai batteri all’uomo, l’uccisione diventa assassinio e il consumo di carne cannibalismo. Continua a leggere “Uccisione od omicidio”

L’Argentina è vicina: prove tecniche di trasmissione

L’Argentina è vicina: prove tecniche di trasmissione

Magari pensate che anche in questo caso il nostro Ministro degli interni abbia fatto pressioni, magari una telefonata, per far si che il presunto omicida venisse trattato come è stato trattato. Vi sbagliate.

Magari pensate che il nostro ministro degli interni in realtà tutto quello che doveva fare, affinchè qualche zelante rappresentante delle forze dell’ordine trattasse così il presunto omicida, lo aveva già fatto nei mesi passati nelle sedi istituzionali e ancora di più in quelle non istituzionali parlando alla pancia e non al cervello di certe istituzioni nelle quali purtroppo si annidano i “carnefici volonterosi”. Avete ragione. Continua a leggere “L’Argentina è vicina: prove tecniche di trasmissione”

Buonismo e Perbenismo

Buonismo e Perbenismo
Hanno inventato una parola per prendersela con chi cerca di mettere al centro della propria attenzione, e spesso delle proprie vite, le sorti degli ultimi: questa parola è “buonismo”.
Queste persone dimenticano però che per quelli come loro una parola che serve a descriverne l’atteggiamento e il comportamento è stata coniata molto tempo prima e assomiglia anche un poco a quell’altra.. Purtroppo oggi questa parola è uscita dall’uso comune e invece dovrebbe essere recuperata e utilizzata almeno con la stessa frequenza con la quale viene usata l’altra. Questa parola è “perbenismo”.

Continua a leggere “Buonismo e Perbenismo”

Lo zen e l’arte del racchettone

Lo zen e l’arte del racchettone

A pensarci bene non c’è sport che non sia competitivo. Una competizione a squadre, una competizione fra due persone che si fronteggiano, magari anche solo una competizione con se stessi per superaresi, per infrangere un record, ma sempre di competizione si parla.

Qualcuno di voi conosce uno sport che non sia competitivo e che sia invece cooperativo? Continua a leggere “Lo zen e l’arte del racchettone”

In difesa dell’uomo

In difesa dell’uomo
Sento di dovere scrivere questa cosa. Alcuni magari penseranno che mi contraddica e devo dire che leggendo il mio post precedente sui “carnefici volonterosi” questo dubbio sorge anche a me. Ma alla fine credo che non sia così.
Pongo in premessa che io conosco personalmente Marco Anello, il Provveditore di Palermo in queste ore al centro della bufera provocata dalla sua sicuramente improvvida sospensione della Professoressa Dell’Aira. Con Marco abbiamo condiviso una breve fase giovanile. Di Marco ho il ricordo di una “persona per bene” e riconosco che una delle generalizzazioni che mi sono sempre tornate utili e si sono mostrate affidabili è quella secondo la quale quando uno è una “brava persona” in gioventù difficilmente diventa altro con gli anni.

Continua a leggere “In difesa dell’uomo”