Come il sentiero smarrito,

prima consueto,

dopo perduto.

Come del telaio l’ordito

di netto tagliato,

la spola a negare.

Come dire

che il patto è spezzato

e l’arcobaleno tradito.

Come creatore e creatura

tese le mani

ed il dito che non tocca più il dito.

Come dell’inverno l’assenza

e nel giardino confuso

l’arancio fiorito.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...