Cantare l’acqua
con tutte le rime
di cui il fiume è capace.
E il rapace
che traccia i confini al cielo,
e il velo di un subito mattino
strappato dal volo diritto
dell’airone cenerino.
Io di te più non dubito Signore,
in questo giorno glorioso,
più non dubito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...