Purtroppo questa poesia è ancora attuale e lo sarà chissà ancora per quanto tempo. Forse oggi dovrei cambiarle solo il titolo visto che quest’anno il solstizio d’estate è arrivato alle 05:31.

Di questa notte è il minuto

in cui l’estate è arrivata

Io sul letto seduto

lei che bussava all’entrata.

Ho aperto la porta,

era ferma sulla soglia,

con la sua veste corta,

ed in mano una foglia.

D’acqua un bicchiere

Uno sguardo, un sorriso,

un secondo per bere,

una ruga sul viso.

“Non colgo più il momento,

il colore, la foggia,

ora ribolle il vento,

poco dopo, la pioggia”.

“Dove più i miei tramonti,

il profumo, la frutta?

Prosciugate le fonti

di una terra distrutta”.

Non sapevo che fare

se non legger fra le righe

un profondo dolore

a piegare le spighe.

E le ho preso le mani

nella notte che vola

“Aspettiamo domani,

Non ti lascio da sola”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...