Arrivo.

E te lo scrivo anche,

in un maniera o in un’altra,

sta sicuro che arrivo.

Lo sento che mi chiami,

lo so che mi ami,

arrivo non tenere

che già sono sulla strada.

Ché tanto lo so

che figlia tua

è questa gioia strana

e questa trasparenza

che pervade le cose

e le attraversa.

Arrivo.

Apri le braccia per favore

ché di tanto dolore

ancora mi ricordo,

apri le braccia

così che la faccia

possa poggiare sul tuo petto

e senza dovermi vergognare,

senza fretta, piangere per un po’.

Ché poi tanta strada

Ci aspetta.

3 pensieri su “Arrivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...