Non voglio essere eroe, Signore,

né santo infuso della tua luce,

non desidero gloria ed onore,

non fare di me un indomito duce.

Non aspiro ad essere saggio,

non fra gli uomini il più amato,

e non chiedo per me l’agio

di apparir bello e ricercato.

Fa, Signore, che io sia goccia,

anzi uno sbuffo di vapore prima

che lasci il mare, lasci la roccia,

ed in alto di una nube sia la rima.

Fa che viaggi allora il tuo cielo,

minuscolo e irrilevante passeggero,

e che ad un tratto un levante di gelo

faccia pesante ciò che era leggero.

E così di ghiaccio cristallo

ad incontrare dei monti la cima

in quella danza che diventa stallo

quando il tempo l’inverno collima.

Per un poco allora esser neve

che si piace esser coltre del mondo,

grave finché non diventa lieve

nella primavera dal richiamo profondo.

E scoprire della terra i percorsi,

della matrice i capillari e le spire,

essere rivoli, gorghi, esser sorsi

e le falde colmare e riempire.

Padre liquido, Dio della pioggia

al tuo figlio in un alba splendete,

dove il salice come l’anima poggia,

concedi infine d’esser sorgente.

7 pensieri su “Fa che io sia goccia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...