Da Stefania, dalla terra rossa…se vi va di sapere perché e per chi vi chiedo aiuto.


“Qualche settimana fa ci è stata recapitata una lettera destinata a Tulime, sigillata dentro una busta di carta marrone. Conteneva un invito importantissimo, ci si chiedeva di essere ospiti d’onore alla consegna delle pagelle alla Primary School di Msengela. Questa scuola per noi è davvero speciale. Di sicuro non tutti lo sanno, anche io l’ho scoperto da pochissimo, ma questo istituto esiste per mezzo degli sforzi e dell’impegno di Tulime. Quando l’associazione ha iniziato a muovere i primi passi, orme di piedi intrecciate ai segni degli scarponi, ha ricevuto una richiesta di aiuto e mattone dopo mattone ha tirato su la scuola e anche qualche casetta per i maestri.
È una bella scuola, ha il giardino ed è pulita e pitturata, gli infissi sono di un bel verde brillante, ed è verde a perdita d’occhio il panorama di cui si può godere, dato che la scuola sta piuttosto lontano dal villaggio.
Mentre cammino con il dirigente scolastico e penso che fra tante questa scuola è davvero graziosa, mi fa notare tutto quello che invece per lui è un disastro completo. Ad alcune finestre mancano i vetri, nessuna classe ha la luce, i bagni non dispongono d’acqua corrente e non c’è mai sapone per lavarsi le mani.
Dopo la passeggiata ci hanno fatto accomodare su un palco dedicato agli ospiti, i nostri posti erano nel mezzo vicino al preside e al sindaco.
Abbiamo assistito agli spettacoli preparati dagli studenti, canti, balli, acrobazione, recite e anche la performance di una band rap composta da ex alunni. Anche i genitori, chiamati a contribuire allo show, hanno improvvisato delle danze.
I ragazzi della settima classe erano prontissimi per la consegna delle pagelle, con le camicie bianchissime, i capelli lucidi di glitter e le espressioni serie. Tutti gli ospiti hanno ricevuto la parola, per congratularsi con i ragazzi. In quanto ospiti d’onore ci è stato chiesto di concludere i ringraziamenti e consegnare i certificati. Non era rimasto molto da aggiungere, se non che l’onore lo avevano fatto loro a noi ed era un privilegio essere lì con loro in un momento di passaggio così importante. E non l’ho detto per dire, è stato davvero un privilegio. Alla fine della cerimonia, i genitori vestiti a festa si sono riuniti ai propri figli con dei pacchi regalo colorati fra le mani, orgogliosi e soddisfatti.
Torniamo a casa con una torta, omaggio della scuola, e tanta bella energia.
Se volete imparare come si organizza un party di successo passate da Msengela quando consegnano le pagelle”.

2 pensieri su “Per chi vuole sapere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...