Nei giorni di marzo,
mi alzo e scalzo
con un balzo affronto
il mio cammino mensile.

Nei giorni di aprile
a pile e in file
sottile plantula immergo
di fiore o d’ortaggio.

Nei giorni di maggio
ostaggio del mondo selvaggio
un raggio di sole
brandisco nel pugno.

Nei giorni di giugno
senza ritegno espugno
del prugno il candore
del cielo lo sfarzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...