Anche nel nostro villaggio tanzaniano di Pomerini, li dove la mia associazione ha la sua base logistica, si è svolto la nostra manifestazione per il Friday for Future. Di seguito il resoconto del nostro responsabile:

“Fridays for Future a partire dalla Svezia ha raggiunto moltissime città, venerdì fiumi di persone hanno manifestato contro i cambiamenti climatici. Pomerini non ha fatto eccezione, dando vita a Fridays for Future Tanzania.

Ci siamo incontrati a Tupo Pamoja, il nostro centro per l’infanzia (“siamo insieme” in lingua swahili). Non sarebbe stato possibile rappresentare meglio il futuro: c’erano i piccoletti di Tupo, quelli un pò più grandi della scuola materna, i bambini delle primarie e i ragazzi della secondarie, c’erano anche Thierry e Haruni nostri volontari e giovani universitari e poi noi collaboratori di Tulime, i maestri e i professori, un esperto di tutela dell’ambiente e il sindaco del villaggio.

Per quanto Pomerini non sia l’ombelico del mondo e il flusso di informazioni possa definirsi faticoso, vi sorprenderebbe sapere quanto la tematica della tutela dell’ambiente sia oggetto di discussioni e studi. Nelle scuole sono presenti gli Environment Clubs e fin dalle elementari si fanno lezioni dedicate a queste tematiche.

Per un ragazzo di 12 o 13 anni in Italia, o in generale in un qualsiasi Paese occidentale, è generalmente molto facile accedere a informazioni e conoscenze. Si siede davanti al pc (se non gli è permesso farlo da solo probabilmente avrà dei genitori disponibili a dargli una mano), cerca su google quello che gli interessa e in pochi minuti può, per esempio, scovare l’esistenza di un movimento globale come Fridays for Future.

A Pomerini ciò è semplicemente impossibile ma abbiamo trovato una splendida alternativa: parlarne e condividere informazioni.

Nessuno dei presenti a parte Thierry, già attivista ambientale in Svizzera, conosceva il movimento FFF, lo abbiamo spiegato brevemente mostrando qualche foto e raccontando di Greta; che tutto nascesse dall’impegno di una giovanissima ha subito catturato l’attenzione di tutti.

Abbiamo poi formato dei gruppi di discussione divisi per argomento, mescolando gli studenti dei vari livelli, i maestri e i collaboratori. Ogni gruppo ha analizzato un aspetto legato ai cambiamenti climatici e a conclusione i portavoce hanno avviato una discussione a partire dagli elementi emersi durante i focus groups.

E’ stato soprendente constatare che tutti erano non solo a conoscenza della tematica ma profondamente interessati e coinvolti.

Il sindaco che fino a quel momento era rimasto un pò in disparte è intervenuto spiegando ai presenti quanto fosse fiero dei giovani del villaggio, riuniti per una causa globale, dimostrandosi brillanti e coscienziosi.

Ha poi ammesso di non aver avuto informazioni precise sui cambiamenti climatici prima dell’inizio della mattinata ma che durante le discussioni era riuscito a individuare delle misure poste in essere dai governi locali volte a limitarne i danni. Ha raccontato agli studenti che negli anni sono stati molti e ripetuti i casi di taglio abusivo di alberi e che per far cessare questa pericolosa abitudine sono state previste multe elevate.

I rappresentanti delle primarie hanno chiuso la mattinata cantando delle canzoni di esortazione alla tutela dell’ambiente”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...