Alla Mia Anima Gemella nel giorno del suo dodicesimo compleanno.

Vola vola

Nel giorno degli storni,

lascia che torni, ancora per un giorno,

a prenderti per mano.

La tua mano che profuma di biscotti,

la tua mano che per intere notti

ho stretto calda di febbri.

Chè tanti sono i posti dove dobbiamo ancora andare:

monti esposti ad ogni vento,

cento e più sentieri di cui conosco l’inizio

ma che per vizio di tempo o di fantasia

non ho percorso fino in fondo.

Un mondo di cicogne sull’atopiano di terra rossa,

quella fossa argillosa che apre ad un prato di ferle,

che vedo sempre da quel viadotto

ma che mai ci ha condotto a scoprire la fonte

che intuisco fra quei pioppi, dietro al monte.

Nel giorno degli storni,

lascia ancora, per un giorno, che torni

a prenderti per mano.

Una alla mamma ed una a me

sulla strada che porta a scuola

e noi altalena umana

a gridare più che mai, più di ieri,

vola Zaccheo,

vola amore mio,

vola, vola.

4 pensieri su “Vola vola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...