Il mio post “lontano dal cuore” non poteva non connettermi immediatamente con il mio amato Sergio Endrigo.

Ma non per la canzone che avrei dovuto recuperare, ché quella troppi l’hanno maltrattata, ma per un’altra, poco conosciuta, di quando stavi già perdendo la tua bellissima voce.

Un valzer filastrocca, una canzone che parte tristissima e poi vola in un cielo limpido e perfetto fatto di giorni ancora possibili.

Una canzone per me, per uno che ha ballato così poche volte nella sua vita, che ha promesso, nella prossima vita (come fece Primo Levi) di diventare ballerino, per uno che forse domani ballerà.

Annunci

2 pensieri su “E allora balliamo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...