A volte, quando la mattina vado a lavoro con la mia moto, ho la sensazione di essere un camionista impazzito.

E’ come se con il mio ingombrate mezzo passassi in velocità fra i vicoli della mia città.

E mentre passo aggancio parole come se fossero file di panni stesi.

Le vedo svolazzare accanto a me, alcune volano via, altre restano attaccate.

E mentre continuo a correre le pongo già in relazione fra loro, faccio abbinamenti di rima come fossero colori. Di alcune mi innamoro già e tremo al pensiero che la molletta ceda e quella parola possa volare via.

Allora vado ancora più veloce nella speranza di arrivare in tempo prima che ogni cosa scompaia, per potere raccogliere sulla carta quel bucato, frutto del mio furto.

Ma poi, mentre sono preso da questa preoccupazione, aggancio un’altra fila di panni stesi.

E le due file si mischiano a volte, altre la prima già mi pare meno bella a confronto con questa nuova. E maghari la lascio volare via, oppure le coservo entrambe e porto sul tavolo delle idee tutto ciò che sono riuscito a non fare volare via.

E questo a volte basta per scrivere ancora un poco.

Annunci

8 pensieri su “Come un camionista impazzito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...