La casa è apparenza. Apparenza è il giardino.

Al di sotto, dentro, al di la dell’apparenza vi è la struttura che tutto connette. Il resto è mattone, è zolla, è quanto, è molecola posti in ordine termodinamico a colmare gli spazi.

Immensi formicai abitano i muri e da essi si dipartono schiere testarde che creano relazioni fra briciola e goccia, fra nido e resto minuscolo di animale o pianta.

Ragni negli angoli tessono reti sottili sulle quali vibrano mosche autunnali o sprovvedute falene.

Gechi a lisciare il confine esterno nell’incessante ricerca di prede. Nottuidi impazzite come elettroni attorno ai nuclei dei lampioni esterni.

Reti di tralci imprigionano la terra. Radici che si toccano, che si evitano, che si scambiano messaggi di morte oggi, di vita domani.

Intrecci di rami e foglie si connettono al cielo con flussi di carbonio, con flussi di ossigeno si connettono. Si impastano d’acqua e acqua rimettono in circolo. Si restituiscono alla terra, essa stessa rete. Si sgranano in granelli e di granelli fanno grana sottile che configura la maglia e produce il motivo. 

E ognuno passa nell’altrui regno, ognuno partecipa dell’altrui pasto. Preda a momenti, a momenti cacciatore. 

Delimitano lo spazio, determinano il confine che per primi oltrepassano, che per primi violano.

Casa e giardino, casa è giardino. La vena che pulsa tra il pozzo e gli stomi, il bronco che si gonfia fra persona e foglia, il raggio che tutto illumina e che il buio riduce.

E il nostro occhio lento percepisce continuità dove brulica lo sciame, vede una parete dove creature veloci definiscono scie sovrapposte.

E chiamiamo casa l’involucro di cuori che pulsa attorno a noi, che pulsa in fase con la nostra pulsazione.

E chiamiamo giardino la fitta rete di relazioni che noi stessi contribuiamo a creare.

E in essi si imprime l’orma del nostro piede, anch’essa forma destinata a confondersi con la struttura che tutto connette.

 

Annunci

28 pensieri su “La struttura che tutto connette

  1. tanto per tirarti a terra,
    si un po oscuro come la struttura che tutto connette e molti non vedono ne sentono, come la danza degli elementi che pochi danzano e molti sgraziatamente rovinano…
    Mi fa piacere essere in questa rete fatta di ” noi” per chi non “ci” conosce…evocativa per “noi”…
    La struttura che tutto connette più bella è quella fatta della trama di questo mondo che intesse con esso le nostre storie di amici e appassionati, è la danza che danzammo e danziamo anche un po incoscienti ma contenti, che continuiamo a voler condividere dentro e fuori di noi, oltre….
    Si maledizione, mi mancate tanto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...