Il mio amico Marco scrive il pezzo che segue sulla sua pagina di facebook. Mi limito a dire che è un pezzo bellissimo. La stessa cosa è l’unica che ho detto a lui. Per il resto questo testo provoca in me tanti sentimenti così contrastanti da non permettermi di esprimerli con lucidità. Non adesso almeno.

Vi auguro buona lettura.

Lettera ad un figlio non nato

Caro figlio,
in tempi di fertility day, visto che non ti ho messo al mondo, il minimo che io possa fare è scriverti una lettera aperta.
Devo chiederti perdono.
A causa mia non conoscerai Renzi, il movimento 5 stelle, i leghisti razzisti, i punti del Pil che non si capisce se scendono o salgono, lo spread, l’Isis, l’Imu, l’Irpef.
E chissà quante altre cose, non tutte negative, per fortuna.
Non avercela con me, è andata così, magari sei nato lo stesso con un altro padre, forse è così che funziona. Forse c’è una fila di bambini che devono nascere, che servono a ripopolare il mondo come Lorenzin vuole, e vengono fuori da uteri disponibili. Se non c’è uno, vai subito con un altro.

Se è così avrei meno sensi di colpa, la mia scelta riguarderebbe soltanto me, e purtroppo anche chi mi è stata accanto, ma la tua opportunità nel mondo è salvaguardata.

Si, perché sai, caro figlio senza nome, io non me la sono sentita. Dammi del vigliacco, dammi dell’irresponsabile, dammi dell’egoista, ma non me la sono sentita.
E chissà che invece la scelta non sia proprio coraggiosa, responsabile, altruista.

Ma su questo non c’è risposta. Mi resta di giocare con l’immaginazione, e pensare che potevi venire fuori bambino viziato e prepotente, o un’adolescente matura, donna sensibile e generosa, dirigente d’azienda e padre eccellente, sportivo appassionato e marito mediocre.

Non so definire nemmeno me stesso, figlio, non chiedermi di farlo con te che non esisti.
E che non conoscerai il dolore, i momenti di angoscia, la solitudine e la paura del nulla, i dubbi sulla vita e sull’immensità, gli incubi e la sfiducia nel prossimo.
Come vedi continuo, con pretesti ignobili, a giustificare la mia scelta, a farne un fatto di maturità, a trovarci i lati positivi. Sai cos’è?, non sopporto il concetto astratto che solo un figlio fa di noi una persona migliore, compiuta, che lascia qualcosa alle generazioni successive, che ha compiuto il proprio dovere riproduttivo, magari con due esseri umani, giusto per salvaguardare la crescita zero.

Non ci sto, io sono così, con pregi e difetti, e conosco padri pessimi e single meravigliosi, come è normale che sia. Non ho il senso di paternità, non ho le spalle abbastanza larghe per stare sveglio terrorizzato la notte quando avresti fatto tardi con gli amici, non ho risorse sufficienti per garantirti una vita senza troppe rinunce. Che poi, magari, i fatti mi avrebbero anche potuto smentire clamorosamente, e sarei stato un discreto padre, mi sarei sentito un uomo migliore.
Ma non ho voluto provare; tu, figlio, non meritavi di essere un esperimento, una prova per misurare il mio grado di maturità potenziale.

Forse ho avuto genitori così bravi da non volermi paragonare a loro, o forse mi sono sentito un figlio talmente in gamba da non volerti fornire subito un paragone ingombrante. Adesso le teorie psicanalitiche potrebbero valere tutte, è un esercizio sterile e anche inutile.
Il fatto è che tu non ci sei, e io ho altro, non me ne volere.
Lascio il compito di genitore a chi sa farlo, o pensa di poterlo fare, senza alcun giudizio e senza supponenza, casomai solo ammirazione.

Un uomo, o una donna, è compiuto se è felice, se sa godere delle piccole e grandi gioie, se fa quello che gli piace, se si sente in continuo mutamento, se cresce e non invecchia, se impara e non dà lezioni, se ascolta e sa sorridere, se è curioso e sa sperimentare, se è in grado di provare empatia, mettendosi nei panni altrui.

Anche in quelli di un genitore che non sarà mai.
Ciao figlio, restiamo così.
Senza rancore.
Il tuo mancato papà.

Annunci

15 pensieri su “Lettera ad un figlio non nato di Marco Pomar

  1. Una lettera che suscita non solo emozioni contrastanti ma tantissime riflessioni. Ora mi pare tuttavia giusto rispettare la scelta, anche una lieve amarezza e sofferenza che si leggono tra le righe. Per analisi e discussioni c’è sempre tempo.
    Grazie per averla condivisa.
    Primula

    Mi piace

  2. Emozionante, mi ritrovo in tanti passaggi. Sono scelte radicali, sempre in discussione all’interno di noi stessi che le abbiamo fatte. Eppure non si poteva fare diversamente.
    Grazie per avermi dato la possibilità di leggerla.

    Mi piace

  3. La cosa che più mi fa riflettere è l’apparente non esistenza del destinatario di questa lettera. Il destinatario in realtà è il mittente, è lui che si racconta a se stesso, per chiarirsi le sue motivazioni. Noi siamo solo spettatori.

    Mi piace

  4. un discorso di fondo molto ricorrente specialmente di questi tempi,
    ma mai mi era capitato di sentirlo esplicitare con una tale profondità d’animo e di sentimento …
    rimorso, rimpianto, giustificazione, autoassoluzione ??? Forse contiene un po’ di tutto …
    come è forse naturale che sia …
    grazie e ciao 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...