Carlo Michelstaedter era un poeta italiano nato nel 1887 a Gorizia. Muore a 27 anni suicida. Nel tempo in cui si “mantiene vivo” produce una sua personalissima poetica, un suo percorso che nulla a che fare con la brevità del suo percorso se non nella conclusione.

La poesia che riporto di seguito mi permette di riaccostarmi alle questioni poste nei giorni scorsi con i post “Sarebbe meglio” e “La parola a colmare lo spazio” e con i commenti e discussioni che da quei post sono derivati.

La stagione in un uomo che corrisponde ad una vita, una vita che dura così “poco” e alla quale è l’uomo stesso a porre fine, una stagione tutta pervasa da un poesia nuova.

“Risvegli” è una poesia che amo molto perché avvicina la sensibilità dei poeti italiani, sempre troppo poco “naturalistica” per quanto mi riguarda, a quella dei trascendentalisti americani pur mantenendo al proprio interno quella “male di vivere” che a volte ci accompagna.

Risvegli

Giaccio fra l’erbe
sulla schiena del monte, e beve il sole
il mio corpo che il vento m’accarezza,
e sfiorano il mio capo i fiori e l’erbe
ch’agita il vento
e lo sciame rombante degl’insetti.
Delle rondini il volo affaccendato
segna di curve rotte il cielo azzurro,
e trae nell’alto vasti cerchi il largo
volo de’ falchi…
Vita?! Vita?! Qui l’erbe, qui la terra,
qui il vento, qui gli uccelli, qui gl’insetti,
e pur fra questi sente vede gode,
sta sotto il vento a farsi vellicare,
sta sotto il sole a suggere il calore,
sta sotto il cielo sulla buona terra
questo ch’io chiamo io, ma ch’io non sono.
No, non son questo corpo, queste membra
prostrate qui fra l’erbe sulla terra,
piu ch’io non sia gl’insetti o l’erbe o i fiori,
o i falchi su nell’aria o il vento o il sole.
Io son solo, lontano, io son diverso.

Altro sole, altro vento, e più superbo
volo per altri cieli, è la mia vita….
Ma ora qui che aspetto? e la mia vita
perchè non vive, perchè non avviene?

 

Che è questa luce, che è questo calore,
questo ronzar confuso, questa terra,
questo cielo che incombe? M’è straniero
l’aspetto d’ogni cosa, m’è nemica
questa natura! Basta! voglio uscire
da questa trama d’incubi! la vita!
la mia vita! il mio sole!

                                       Ma pel cielo
montan le nubi su dall’orizzonte,
già lambiscono il sole, già alla terra
invidiano la luce ed il calore.
Un brivido percorre la natura,
e rigido mi corre per le membra
al soffiare del vento… Ma che faccio
schiacciato sulla terra qui fra l’erbe?
Ora mi levo, ché ora ho un fine certo,
ora ho freddo, ora ho fame, ora m’affretto,
ora so la mia vita,
ché la stessa ignoranza m’è sapere.
La natura inimica ora m’è cara
che mi darà riparo e nutrimento:
ora vado a ronzar come gl’insetti.

Annunci

6 pensieri su “Risvegli

  1. Amaramente stupenda se penso ala morte per suicidio.
    “Che è questa luce, che è questo calore,/questo ronzar confuso, questa terra,/questo cielo che incombe?/M’è straniero/l’aspetto d’ogni cosa, m’è nemica/questa natura! Basta! voglio uscire/da questa trama d’incubi! la vita!/la mia vita! il mio sole!
    Ma…ecco proprio in questo ma (e non prima) secondo c’è la rinuncia a se stesso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...