Paoluccio che ti devo dire?

Lo so, lo so, prima di tutto dirai tu “so che cosa non mi devi dire” e quello è “Paoluccio” che ti fa incazzare un pochetto ma che da me lo accetti perché nonostante tu sia grande  e grosso io non riesco a chiamarti in nessuna altra maniera.

Paoluccio che ti devo dire?

Che questo tempo è strano? Che abbiamo provato a modellarlo assieme in questo triangolo di mondo e che oggi che tutto sembra crollare attorno a noi ci verrebbe da dire che non ci siamo riusciti.

Paoluccio che ti devo dire?

Che Freud diceva che alla fine siamo solo “Amore” e “Lavoro” e questo lavoro oggi ti produce tanta sofferenza, ché non c’è e quello che c’è ti consuma le giornate, non ti da la sicurezza che meriti, ti produce il mal di testa che da sempre ti perseguita.

Paoluccio che ti devo dire?

Che avrei voluto fare di più? Che vorrei fare di più ogni giorno e ogni giorno mi dico: “vedrai che adesso ci mettiamo sotto e sta storia dell’interpretazione la tiriamo fuori, e qualcuno finalmente capirà e noi faremo quello che maggiormente ci piace che è interpretare questo mondo e questo tempo per i bambini di oggi e per quelli di domani e per quelli che bambini non hanno mai finito di essere“. E poi la vita di ogni giorno mi prende, e i “carichi sospesi”, e il tempo che devi decidere dove metterlo perché è risorsa scarsa e sfuggente e il “programma” quello importante, quello al quale tante volte abbiamo iniziato a lavorare, non viene mai fuori.

Paoluccio che ti devo dire? 

Vedi che sono stupido Paoluccio? Le cose da dire ce le ho, e sono importanti, solo che la vita sembra corroderci a volte e finiamo per non accorgerci di quante cose meravigliose abbiamo fatto e abbiamo ancora da fare, come perle infilate a comporre la collana della nostra amicizia.

E allora voglio dirti prima di tutto che il tuo essermi amico è per me un privilegio impagabile e ogni volta che mi dici “Amico mio” so che non è un intercalare casuale ma l’espressione di un sentimento vero e profondo.

Voglio dirti che quando hai deciso di mettere a posto la 500 che era stata di tua madre e ti sei fatto tutti il viaggio in nave fino a Genova e poi con la 500 fino a Biella per regalarla a tuo nipote (che non ne sapeva niente) mi è sembrato che stessi facendo la cosa più bella e commovente del mondo.

Voglio dirti che l’altra sera a casa tua, investiti dall’onda placida delle pizze di Marilena, dalla bellezza delle vostre abitudini che esprimono valore, dalla monelleria dei vostri “topi” che si incrociava a forza di pallonate e di scacchi con quella dei miei, io non mi sono neanche sentito a casa mia: io mi sono sentito a casa nostra. 

Voglio dirti che vedrai che un tempo migliore viene perché saremo capaci di andarcelo a prendere e perché sai che i semi che abbiamo piantato ogni volta hanno dato buon frutto, anche quando pensavamo che erano marciti nel terreno.

E infine voglio dirti la cosa più importante, la cosa per la quale ti ho scritto che è: ti auguro un felice e sereno compleanno Amico Mio.

 

5 pensieri su “Che ti devo dire?

  1. Quanti Paolucci intorno a noi! La vera spina nel fianco oggi è il lavoro, o meglio la paura di perderlo che, in questi tempi di crisi, è ogni giorno più pressante induce i più ad accettare condizioni inique, a dir poco. Auguri al tuo amico e a tutti i Paolucci dei nostri tempi!

    "Mi piace"

  2. Amico mio,
    come posso risponderti?

    Posso dirti che oggi è un giorno strano, il mio primo compleanno da solo, finora l’avevo sempre condiviso con mia madre, e cercherò di essere degno di questo dono che mi porterò sempre in tasca (quella della camicia, sul cuore).
    Posso dirti che ieri dicevo a me stesso “spero che passi presto”, ma oggi sto assaporando tutte le carezze più o meno virtuali che mi arrivano. Tanto non passerà mai. Devo far passare il mio modo di affrontare le cose. Trasformarlo.
    Posso dirti che oggi per me è un nuovo inizio. Ho già cominciato, ho fatto il primo passo. Verso dove ancora non so, ma so da dove voglio allontanarmi.
    Posso dirti che ogni volta che mi viene in mente qualcosa di nuovo per cambiare il mio pezzetto di mondo, tu sei in qualche modo coinvolto.
    Come posso risponderti, se non Grazie per la tua Amicizia e tutti i frutti che portato e quelli che ancora stanno maturando?

    Il tuo Amico,
    Paoluccio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...