Stefania ci fa arrivare degli aggiornamenti sul progetto che con il supporto della Chiesa Valdese stiamo portando avanti in Tanzania.

Stefania tratteggia sempre con delicatezza queste scene di vita tanzaniana. Non si coglie quasi mai la sofferenza ed emerge sempre con chiarezza la speranza, non sembra che lei faccia mai nulla per ottenere dei risultati ma viene sempre fuori la capacità che ognuno di noi ha di fare la differenza se solo gli vengono fornite le condizioni minime.

Vi auguro buona lettura.

“A Pomerini siamo nel vivo di Mi.Fi.Ma, ieri abbiamo erogato il primo prestito, la beneficiaria è Leuda, ha 21 anni ed è madre di una bimba di 2. Leuda è una delle poche, fra le 60 persone coinvolte nel programma di prestiti, ad aver scelto di avviare un’attività di piccola imprenditoria; venderà zuppa di pollo al centro del villaggio. Oggi è stata la prima giornata di attività e noi abbiamo passato un po’ di tempo con lei per supportarla nel suo nuovo lavoro e monitorare i primi guadagni.

Rachel ha aiutato Leuda, all’alba, a preparare la zuppa, poi hanno scelto una piccola tettoia, fra le tante in disuso nel cuore del villaggio e hanno iniziato a vendere. Noi siamo arrivati qualche ora dopo e la zuppa era quasi finita. L’entusiasmo di Leuda e Rachel ci ha presto contagiati ed Enrico, il nostro tirocinante di economia proveniente dall’Università di Sassari, ha preso così seriamente il monitoraggio che alla fine la zuppa ha voluto mangiarla pure lui.

Leuda si è detta soddisfatta della prima giornata di lavoro anche se ammette, ci sono degli accorgimenti da prendere, le porzioni erano troppo abbondanti e sarebbe stato utile avere dei chapati da servire con la zuppa, aggiunge che rimedierà ad entrambe le cose domani utilizzando parte del capitale guadagnato per acquistare quanto necessario.

Nei prossimi giorni continueremo ad erogare i prestiti ed a svolgere i primi monitoraggi con la certezza che questo primo successo sia di buon auspicio per la riuscita di un progetto che ogni giorno si rivela più stimolante, utile e ben disegnato sulle esigenze delle comunità che lo ospitano.”.

Annunci

7 pensieri su “Chi ben comincia…

  1. Che bello! La catena di librerie per cui lavoro sostiene un progetto simile a Soddo in Etiopia, dove insegnano un mestiere ai ragazzi di strada ed è una onlus.
    Belle queste persone che agiscono in quei luoghi e vivono per gli altri.

    Mi piace

  2. Testimonianze come queste fanno ricordare ciò che conta davvero e passare in secondo – anche terzo o quarto – piano le sciocchezze con cui ci inondano i media italiani, e non solo, in questi giorni.
    Un grosso in bocca al lupo! 🙂
    Primula

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...